Scafati/Pompei. I carabinieri della stazione di Torre Annunziata hanno tratto in arresto a Pompei, per furto aggravato, Teresa Cannavacciuolo, 33enne, residente a Scafati  in via Martiri D’Ungheria, già nota alle forze dell'ordine e in atto sottoposta all’obbligo di presentazione alla p.g. e Nadia Karakhi, 20enne residente a Scafati al vicolo Tessitore, anch’ella già nota alle forze dell'ordine, in atto sottoposta all’obbligo di dimora nel comune di Scafati con obbligo di permanenza a casa dalle 21.00 alle 07.00.
Entrambe sono responsabili del furto di generi alimentari per 200 euro consumato togliendo i sistemi antitaccheggio. La refurtiva è stata restituita agli aventi diritto. le donne sono in attesa di rito direttissimo.

NOCERA INFERIORE. Consorzio di Bonifica in bolletta, non arrivano i soldi per i dipendenti del Consorzio di Bonifica integrale del comprensorio del Samo. Ancora occupata la sede della struttura a Nocera Inferiore dove ieri sarebbe dovuta arrivare una risposta sui fondi che la Regione Campania dovrebbe stanziare. Sarebbero un milione e mezzo di euro circa che farebbero respirare le casse del Consorzio oramai al collasso. Ben 5 i mesi da cui i dipendenti non prendono lo stipendio. Una situazione paradossale che sta portando all'esasperazione i circa 170 lavoratori nocerini. Eppure lo strumento consortile vanta milioni e milioni di euro da Comuni ma anche dalla stesa Regione. Nei giorni scorsi erano state numerose le proteste dei dipendenti a Nocera con tanto di blocchi e presidi permanenti sia per strada che nella sede dell'Ente. La situazione è al limite e si attendono le risposte della regione. 

 

GLI ARTICOLI SUL CONSORZIO

Consorzio di bonifica: dipendenti senza paga da 5 mesi

Consorzio di bonifica: sarà guidato da un sarnese

Aggredì verbalmente la dipendente nei corridoi dell’ufficio di via Libroia, l’ex coordinatore del piano di zona, Pasquale  Prudenzano è stato rinviato a giudizio e dovrà affrontare il processo. Cominciano ad affacciarsi nelle aule di giustizia i vertici del piano di zona s1 : Pasquale Prudenzano  ex coordinatore del Piano di Zona S1 -costituito dai sindaci  dei dodici comuni e  rimosso da una sentenza  dei giudici del Tribunale di Nocera Inferiore -  è stato rinviato a giudizio davanti al giudice di Pace, dottoressa Tudino, su denuncia di una ex dipendente . Il pm  dopo un’accurata  indagine ha ritenuto fondati i motivi della denuncia  esposti dalla stessa  ed ha citato anche alcuni testimoni per l’udienza che si terrà a febbraio 2016. Tutto è partito dalla  minaccia continua  di licenziamento che l’imputato  Prudenzano  avrebbe rivolto ad alcuni collaboratori , contrattualizzati  tramite regolare concorso, arrogandosi  tale diritto perché  sarebbe stato scelto dalla politica anche per "eliminare  alcuni collaboratori" e fare spazio ad altre nuove leve, stando alle accuse rivolte dalla professionista.  A febbraio ,  in una aula di tribunale questa versione, sarà raccontata  dalla ex dipendente ,parte lesa  e già  costituitosi parte civile e dai testi citati . Un racconto choc della donna sul presunto clima di  illegalità istaurato dal 2012  dovuto - secondo alcuni - alle assunzioni di personale   tramite agenzia interinale ed attraverso continue proroghe , senza nessun criterio reso pubblico.  Sebbene il  ricorso all’Agenzia interinale era stato giustificato  per l’urgenza e per poche figure professionali, ad oggi  nessuno sa quanti e quali collaboratori il Piano di Zona  utilizza né tantomeno quanto costano, pur essendo previsto per le pubbliche amministrazioni la pubblicazione sui propri siti dei consulenti e dei collaboratori. Questa denuncia  non è l’unica pendente  perché altre sarebbero state depositate  e si spera che finalmente sia fatta luce su  molte vicende su cui la giustizia è stata chiamata ad intervenire.

Punto Stabia News

Punto Stabia News è un giornale online che si occupa del territorio tra Castellammare, i Lattari e la Penisola Sorrentina. 

CONTATTACI: 

redazione@puntostabianews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178