AdMedia

Smottamenti, frane e gallerie chiuse: continuano i disagi sulla Sorrentina

09 Novembre 2017 Author :  

Frane, smottamenti e gallerie chiuse: continuano i disagi sulla penisola sorrentina e sui Monti Lattari. Nonostante il giorno di tregua del maltempo i problemi persistono e il traffico è completamente in tilt. Chilometri di coda tra il casello autostradale di Castellammare di Stabia e la penisola Sorrentina, per la chiusura delle gallerie di Varano e Privati. La lunga estate di incendi boschivi sta dando i primi danni alle primissime piogge autunnali. I disagi persistono, per chi da Napoli è diretto in penisola sorrentina: resta infatti chiuso al traffico, in entrambe le direzioni, il tratto di strada statale 145, la cosiddetta “Sorrentina”, compreso tra gli svincoli di Castellammare centro e Castellammare Villa Cimmino. Ieri l’Anas ha comunicato che si procede ancora al ripristino della funzionalità degli impianti (danneggiata l’area della cabina di alimentazione delle gallerie Varano e Privati) e alla pulizia della carreggiata, sulla quale si è riversata, nei pressi dello svincolo di Gragnano, una consistente mole di fango, detriti e rami. Ed è dunque dalla tarda serata di lunedì che il transito è deviato verso soluzioni alternative (l’ex statale 145 e l’ex statale 336 Agerolina): code chilometriche nelle prime ore, anche ieri traffico particolarmente intenso. Si lotta contro il tempo, con l’utilizzo di speciali pompe idrovore, anche perché un nuovo peggioramento è previsto per la giornata di oggi. I danni agli impianti vengono considerati particolarmente ingenti. A Castellammare di Stabia resta chiusa al traffico anche via Acton, interessata da una frana e letteralmente invasa da melma e detriti: una ditta incaricata dal Comune ha lavorato ieri alla rimozione di fango, terriccio e arbusti. Anche qui il ripristino della viabilità è rinviato. Prova a tornare alla normalità anche Positano, il paese più colpito dal nubifragio, disagi alla fornitura idrica segnalati a Massa Lubrense, Sant’Agnello, Piano di Sorrento, Sorrento e Vico Equense. E una frana ha interessato, lunedì, anche le pendici del monte Faito, invadendo la strada che collega la montagna a Vico Equense all’altezza della curva della Madonnina e isolando 70 residenti (tra cui 15 bambini), alcuni turisti e diversi commercianti. Rocce e detriti, una vera e propria valanga: due escavatori di una ditta già sul posto (impegnata nella realizzazione di muretti a secco per la Città metropolitana) lavorano per liberare l’unica via d’accesso per il Faito. Nel frattempo, l’emergenza ha indotto a rinviare lo stop della Funivia, previsto dal 5 novembre a marzo: assicurerà la continuità territoriale con la montagna. All’Eav era arrivata la richiesta del presidente del Parco dei Monti Lattari, Tristano Dello Joio, volta a scongiurare "che qualcuno imprudentemente si avventuri in alternativa sulla strada del versante stabiese, comunque pericolosa e chiusa alla viabilità". La funivia resta in servizio per residenti e operatori "per il tempo necessario al ripristino della viabilità della provinciale 269 che collega Vico Equense con il Faito".

Punto Stabia News

Punto Stabia News è un giornale online che si occupa del territorio tra Castellammare, i Lattari e la Penisola Sorrentina. 

CONTATTACI: 

redazione@puntostabianews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2