AdMedia

Castellammare.Pubblicato il bando per il depuratore "Mare pulito" fra 4 anni

10 Agosto 2018 Author :  

Al via i lavori per realizzare il collettore al depuratore di Foce Sarno, addio alle chiazze nel mare corallino: nei prossimi anni, i bagni alla Litoranea potrebbero essere più sicuri. Pubblicato ieri mattina il bando per la costruzione del collettamento dei reflui di Torre del Greco all'impianto di depurazione di Foce Samo: l'obiettivo è intercettare e convogliare le acque reflue prodotte in città verso l'impianto di depurazione comprensoriale di Foce Samo, eliminando così del tutto gli scarichi cittadini. Un'opera da 35 milioni di euro di grande rilevanza ambientale, finanziata dalla Regione Campania alla voce «Tutelare e migliorare la qualità dell'ambiente in relazione al servizio idrico integrato», che vede la Gori impegnata come soggetto attuatore. «La società ha sviluppato un progetto tecnologicamente complesso in relazione all'obiettivo e all'area dell'intervento, prevedendo avanzate soluzioni ingegneristiche per convogliare i reflui dagli attuali impianti di San Giuseppe alle Paludi e Villa Inglese fino all'esistente galleria di Torre Annunziata e da questa all'impianto di depurazione comprensoriale di Castellammare di Stabia, come previsto dalla pianificazione regionale». La presentazione delle offerte è per il 2 ottobre, i tempi per la realizzazione degli impianti sono di 42 mesi. Il progetto prevede la riconversione dell'attuale impianto di depurazione cittadino di San Giuseppe alle Paludi: diventerà un sollevamento fognario con ben 11 elettropompe grazie a interventi di potenziamento dei trattamenti preliminari che già vengono effettuati. Inoltre, verrà realizzato uno «scaricatore di piena» in via XX Settembre e nei relativi canali di collegamento: servirà per l'adduzione della rete fognaria esistente all'impianto di San Giuseppe alle Paludi. Anche il depuratore di Villa Inglese subirà un restyling con lavori di rifunzionalizzazione dei trattamenti preliminari, della grigliatura grossolana manuale e di sabbiatura. Prevista anche la realizzazione di un altro impianto di sollevamento con tre elettropompe nell'impianto Villa Inglese per lo scarico di un'aliquota della portata pluviale eccedente in condotta sottomarina esistente e di un altro con otto elettropompe in località Pagliarone, quasi al confine con Torre Annunziata. Ci sarà poi la posa dei collettori di convogliamento all'impianto di Villa Inglese della rete fognaria esistente proveniente da Via Mortelle e da Viale Europa, di condotte prementi sottomarine a San Giuseppe alle Paludi e fino alla confluenza nel collettore emissario di progetto in via Mortelle, in prossimità dell'impianto Villa Inglese, di alcuni tratti del collettore emissario in coincidenza con attraversamenti ferroviari e delle zone di cava. A sorvegliare questo im pianto un sistema di telecontrollo decisamente hi-tech. L'impianto contribuirà a depurare lo specchio d'acqua che bagna Torre del Greco: quest'anno l'Arpac ha promosso la costa corallina a pieni voti ma chiazze e rifiuti continuano a galleggiare sul mare torrese. «La realizzazione di quest'opera - spiega il presidente di Gori, Michele Di Natale ci consentirà di aggiungere un altro fondamentale tassello al progetto di risanamento ambientale della fascia costiera, che come azienda sta portando avanti in sinergia con gli Enti coinvolti, con notevoli benefici per la crescita strutturale del territorio». Il progetto completa la campagna ambientale «ImpariAmo ad amare» a tutela dell'ecosistema marino avviata dalla Gori a inizio estate: per convincere i torresi a non gettare rifiuti in mare, l'azienda ha lanciato sui social vignette umoristiche che evidenziano i danni provocati dalle cattive abitudini.

Punto Stabia News

Punto Stabia News è un giornale online che si occupa del territorio tra Castellammare, i Lattari e la Penisola Sorrentina. 

CONTATTACI: 

redazione@puntostabianews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2