AdMedia

Castellammare. Rifiuti, allarme per una nuova emergenza

11 Agosto 2018 Author :  
Rifiuti, attacco diretto del centrodestra al governatore Vincenzo De Luca e alla sua squadra di governo. La campanella d'allarme è stata suonata. "L'emergenza rifiuti è nei fatti " sostengono i consiglieri regionali di "Caldoro presidente" e Forza Italia, rifacendosi a quanto denunciato in una relazione dall'ex assessore all'ambiente della giunta Caldoro, Giovanni Romano. "Dopo dieci anni dal termine dello stato emergenziale che per oltre venti anni aveva condizionato lo sviluppo economico e sociale della nostra Regione sporcandone l'immagine nel mondo notano i gruppi consiliari - l'attuale Presidente pro-tempore della Regione e la sua Amministrazione di centrosinistra ci riportano nell'emergenza ". Il piano rifiuti che prevede impianti di compostaggio e di stoccaggio non è considerato "valido" rispetto alla risoluzione del problema rifiuti in Campania. "Si fa un gran parlare degli impianti da realizzare per il trattamento della frazione organica derivante dalla raccolta differenziata dei Comuni - si legge sulle pagine social del gruppo consiliare - cosiddetti compostaggi, ma nessuno parla della assoluta mancanza e dell'altrettanto assoluta incapacità dell'amministrazione nel programmare l 'ubicazione e realizzare le discariche necessarie ad accogliere i rifiuti trattati dagli ex Stir visto che si è deciso, con il nuovo Piano Regionale, di non realizzare l'altro termovalorizzatore di Salerno necessario a rendere autonoma l'intera Regione ". Ma a finire nel mirino dei caldoriani c'è anche una delibera di giunta con cui sembra si sia deciso di anticipare' 8 milioni euro per svuotare gli ex impianti di tritovagliatura (Stir) di Battipaglia e Tufino e consentire di recuperare gli spazi necessari per gli impianti di compostaggio che si prevede di realizzare all'intemo degli stessi. "Chiaramente - evidenziano gli azzurri - la Regione, per evitare problemi con la Corte dei Conti, chiarisce che questa somma dovrà essere "recuperata" dalle due società, EcoAmbienteSalerno e SA.P.NA. Napoli, anche perché le stesse società, incassando la tariffa dai Comuni dovrebbero già avere queste Per l'opposizione il sistema di De Luca è ormai fallito somme e, quindi, non possono essere pagate due volte". Qui si sollevano più dubbi rispetto alle due società di gestione rifiuti. "Ci chiediamo - proseguono - stiamo parlando delle stesse società provinciali che sono state raggiunte da provvedimenti di pignoramento della stessa Regione, poi "opportunamente" sospesi, perché non hanno pagato nonostante le tariffe incassate il conferimento al termovalorizzatore di Acerra? ". Tutto questo, stando ai caldoriani, accade perché si ha la necessità di nascondere il fallimento gestionale del ciclo dei rifiuti. "Il sistema è fallito - concludono - Nonostante i milioni di euro del Governo Renzi. Nonostante i roboanti proclami dell 'attuale presidente pro-tempore della Regione che sta tristemente ritornando ad essere la Regione della "monnezza".

Punto Stabia News

Punto Stabia News è un giornale online che si occupa del territorio tra Castellammare, i Lattari e la Penisola Sorrentina. 

CONTATTACI: 

redazione@puntostabianews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178