Sant'Antonio Abate. Inclusione e vita indipendente per disabili: pubblicato avviso pubblico

21 Novembre 2020 Author :  

Avviso pubblico di selezione per la realizzazione di progetti personali per la vita indipendente ed inclusione nella società a favore delle persone con disabilità.

La finalità complessiva dei progetti di vita indipendente è quella di sostenere la vita “Indipendente”, ossia la possibilità, per una persona adulta con disabilità grave, di autodeterminarsi e di poter vivere il più possibile in condizioni di autonomia, potendo assumere decisioni riguardanti la propria vita e svolgere attività di propria scelta.

Le azioni di seguito descritte, purchè attinenti al progetto presentato, possono essere richieste in modo congiunto oppure può essere scelta solo una delle azioni previste dal presente avviso, quindi, potrà prevedere le seguenti azioni finanziabili:

Azione 1. Assistente_personale: contributo economico.

Sarà riconosciuto un contributo alla persona disabile che individuerà e sceglierà in piena autonomia una persona di fiducia, assumendola con un regolare contratto nazionale colf-badante.

Azione 2 – Abitare_in_autonomia: contributo economico.

Tale azione è volta a favorire l’abitare in autonomia e/o la deistituzionalizzazione delle persone disabili. Il potenziale beneficiario potrà usufruire di tale contributo per coprire le spese relative all’eventuale fitto di un alloggio o in caso di co-housing, per la quota di pertinenza.

SOGGETTI BENEFICARI E REQUISITI PER L’ACCESSO

I beneficiari sono persone in condizione di #disabilità_grave certificata ai sensi della L 104/1992 art. 3, comma 3, prive del sostegno familiare, come definito col Decreto ministeriale 23 novembre 2016, (art. 1, comma 1, lett. b), ossia, persone con disabilità grave, non determinata dal naturale invecchiamento o da patologie connesse alla senilità, prive di sostegno familiare in quanto mancanti di entrambi i genitori o perché gli stessi non sono in grado di fornire l’adeguato sostegno genitoriale, nonché in vista del venir meno del #sostegno_familiare.

Possono proporre istanza di finanziamento le persone con disabilità, non determinata dal naturale invecchiamento o da patologie connesse alla senilità, in possesso dei seguenti requisiti minimi di accesso:

- certificazione di disabilità grave, riconosciuta ai sensi dell’art. 3 comma 3 della legge 104/92 o di invalidità con il beneficio dell’indennità di accompagnamento, di cui alla legge 11 febbraio 1980, n. 18;

- di un’età compresa tra 18 e 64 anni (è possibile sostenere la continuità degli interventi, anche in deroga al limite massimo di età, tenuto conto che i beneficiari sono persone con disabilità grave non dovuta al naturale invecchiamento o a patologie connesse all’età);

Tutti i requisiti devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda.

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI

Presentazione all’Ambito Territoriale N 32 dell’istanza a firma del richiedente il beneficio, o se impossibilitato da chi ne cura gli interessi, nella quale si attesta il possesso dei requisiti soggettivi di ammissibilità e che illustra le caratteristiche essenziali relative alla situazione individuale, la situazione familiare, gli obiettivi del progetto di vita autonoma e i servizi e le prestazioni richiesti a supporto.
Alla domanda deve essere allegato il progetto individuale.

Stante l’emergenza COVID, gli interessati possono spedire le istanze tramite #raccomandata a/r al seguente indirizzo: Ufficio Protocollo Comune di Sant’Antonio Abate – Capofila dell’Ambito Territoriale N 32 - Piazza Don Mosè Mascolo 80057 Sant'Antonio Abate – NA, ovvero tramite pec al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., entro il giorno

Punto Stabia News

Punto Stabia News è un giornale online che si occupa del territorio tra Castellammare, i Lattari e la Penisola Sorrentina. 

CONTATTACI: 

redazione@puntostabianews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178