AdMedia

Bob Geldof al Global Fest, 'attenti a nazionalismi'

17 Luglio 2019 Author :  

"Muri e confini non servono a nulla, nel mondo ci sono 65 milioni di persone in cammino verso una vita migliore. Metto in guardia anche gli italiani dal virus del nazionalismo che si sta diffondendo in molti paesi, Stati Uniti compresi". E' il messaggio di sir Bob Geldof, ISCHIA Humanitarian Award al Global Film e Music festival, artista e attivista inventore del Live Aid e tuttora simbolo dell'impegno nel mondo della musica. "Respingere queste persone e' sbagliato. Sono irlandese, conosco i danni del nazionalismo, ringrazio sempre l'Inghilterra per avermi accolto" dice prima di presentare per la prima volta in Italia un documentario al quale tiene moltissimo: 'A Fanatic Heart: Geldof on Yeats', dedicato alla vita di uno dei piu' grandi poeti del 900, l'irlandese William Butle Yeats, premio Nobel, con letture di Bill Nighy, Van Morrison, Richard E. Grant, Colin Farrell, Bono, Edna O'Brien, Ardal O'Hanlon, Noel Gallagher e Liam Neeson. Accompagnato dalla presidentessa onoraria del Festival Trudie Styler, Geldof nelle giornate ischitane ha partecipato al Social cinema forum promosso dal Global Festival con il Dipartimento Pari Opportunita' della Presidenza del Consiglio, e all'Italian Music Summer Summit, promosso con la Siae. Si e' piaciuto in Bohemian Rhapsody? "Ho preferito evitare, non mi piacerebbe vedermi come un personaggio sullo schermo. Sono felicissimo pero' del grande successo di questo film. Alcune parti che riguardavano il Live Aid sono romanzate per esigenze drammaturgiche, ma non e' un problema". Ma sarebbe possibile oggi un Live Aid nell'era dei social? "Sicuramente avrebbe un impatto diverso, oggi si comunica in tutt'altro modo. Quell'avventura nacque per caso, dalla mia rabbia quando seppi che 30 milioni di persone in Africa rischiavano di morire di fame". Dopo lo storico doppio concerto del 1985 negli stadi di Wembley a Londra e JFK di Filadelfia, nel luglio 2005 Geldof promosse Live 8, dieci concerti organizzati nelle nazioni del G8. "Quando abbiamo fatto il Live Aid siamo intervenuti su un'emergenza", dice l'artista che non ha mai smesso di impegnarsi quotidianamente per questioni umanitarie ed ambientali. "Almeno due ore al giorno, ormai e' la mia vita. Sicuramente ai tempi del Live Aid non potevo immaginare che avremmo raggiunto miliardi di persone e arrivare a quei numeri ha significato molto, perche' sono i grossi numeri che fanno muovere i potenti e la politica. Oggi come allora dobbiamo essere uniti. Perche' se ognuno di noi impegna anche un solo euro per la beneficenza sta facendo un grandissimo lavoro sia a livello personale che umano. Invito tutti a non smettere mai di farlo perche' significherebbe morire un po' dentro". 

Punto Stabia News

Punto Stabia News è un giornale online che si occupa del territorio tra Castellammare, i Lattari e la Penisola Sorrentina. 

CONTATTACI: 

redazione@puntostabianews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2