AdMedia

Maltempo: black out per 60.000 utenze in Alto Adige

16 Novembre 2019 Author :  

Sono oltre 60.000 le utenze colpite dal blackout causato dal maltempo in Alto Adige, soprattutto nella zona di Brunico e della val Pusteria. Lo ha detto il capo della protezione civile altoatesina, Rudolf Polliger, alla Rai di Bolzano. La caduta di alberi carichi di neve causa anche grossi problemi alla viabilità. 70 strade, che collegano i paesi con le vie principali risultano interrotte. Anche la linea ferroviaria del Brennero è bloccata a Bolzano dopo una frana di piccole dimensioni. Pollinger ritiene che la linea potrà essere riaperta entro domani mattina.

Dopo il black out durato quasi due giorni, Brunico è nuovamente senza luce e senza corrente elettrica. In serata un albero è infatti caduto sulla linea di alta tensione della Terna. L'interruzione - informa il Comune - durerà almeno alcune ore. Il black out di mercoledì e giovedì aveva causato forti disagi, anche alle telecomunicazioni.

La neve che in queste ore sta cadendo intensamente in Alto Adige sta causando la chiusura di strade. Con le nuove nevicate il pericolo valanghe è elevato ed è salito al grado 4 di 5.
Resta tesa la situazione. Sono isolate la Val Badia, la Val Senales, Valle dei Molini e la Val di Tures. La statale della Val Pusteria è bloccata da Prato Drava, la statale della Val di Fiemme da Fontane Fredde. Praticamente tutte le strade secondarie non sono attualmente percorribili. Sono 7.600 le utenze senza luce, soprattutto nella zona di Castelrotto. Sono in servizio 150 compagnie dei Vigili del Fuoco, professionali e volontari, che finora sono usciti per alcune centinaia di interventi. "Abbiamo richiamato in caserma tutti i vigili del fuoco che erano impegnati nel ripristino delle linee elettriche, perché gli alberi cascano di continuo e la situazione è troppo pericolosa", dice all'ANSA il sindaco di San Lorenzo di Sebato, Martin Ausserdorfer.

Grande ondata di piena travolge le cascate di Saturnia - Un'ondata di piena causata dal maltempo ha travolto le cascate termali di Saturnia (Grosseto) e la protezione civile ha svolto sopralluoghi che, al momento, escludono danni. In piena è stato il torrente Stellata che riceve le acque calde sotterranee e forma a valle piccole cascate, meta di turismo termale. Il Comune effettuerà altri sopralluoghi quando il livello dell'acqua scenderà per fare altre verifiche. "Le cascate del Gorello a Saturnia non sono distrutte - spiegano dal Comune di Manciano -, c'è stata una grossa ondata di piena sia dal canale delle acque termali sia dal torrente Stellata. Ad ora non risultano danni".

Isolate le valli in Alto Adige - "Oggi è uno di quei giorni in cui speri che le tue previsioni non si avverino". E' l'amaro commento su Twitter del meteorologo provinciale Dieter Peterlin in riferimento all'eccezionale ondata di maltempo in Alto Adige. Nel primo pomeriggio - informa - la val Martello e la val d'Ultimo registrano 60 l/mq, la Bassa Atesina e la val Passira 40 l/mq e la val Pusteria 20 l/mq. In val d'Ultima nelle scorse ore sono caduti 55 cm di neve fresca. Attualmente la perturbazione si sta spostando verso est.

Tecnici E-Distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce le reti di media e bassa tensione, al lavoro per il ripristino del servizio elettrico interrotto in numerose zone del Piemonte a causa del maltempo. La Provincia più colpita è quella di Cuneo, con 15 mila utenze senza luce. Disservizi anche nel Torinese (8.000 clienti disalimentati) e Verbano-Cusio-Ossola (5.000 clienti disalimentati). Tutti gli interventi, informa la società, sono realizzati in costante coordinamento con istituzioni locali, prefettura e protezione civile, con le quali si stanno concordando gli interventi nelle aree di difficile accessibilità a causa della neve. Il lavoro di E-Distribuzione sul territorio proseguirà fino al pieno ripristino del servizio elettrico, nel rispetto delle procedure di sicurezza che questi delicati interventi richiedono.

Frane, alberi caduti e allagamenti. Sono numerosi gli interventi dei vigili del fuoco della provincia di Imperia, per l'ondata di maltempo che si è abbattuta, ieri sera e la scorsa notte, su tutto l'estremo ponente della Liguria. In via Goethe, a Sanremo, è franata la strada dov'erano parcheggiati alcuni veicoli: un'auto e un furgone sono rimasti in bilico sul cratere mentre gli altri mezzi sono stati spostati dai proprietari allertati dalle forze dell'ordine. In via Bandette, a Ventimiglia, la strada è stata sommersa da una ondata di fango e di terra, in seguito allo smottamento dalla sovrastante collina. La circolazione è stata interrotta anche in un tratto di via San Secondo. I vigili del fuoco sono dovuti intervenire anche tra San Lorenzo al mare e Cipressa per dei massi sulla strada. A Triora, invece, alcuni alberi sono scesi sulla via che porta in frazione Verdeggia, ostruendo il passaggio.

Tromba d'aria prima delle 5 di oggi a Marina di Carrara (Massa Carrara): devastato il ristorante di un hotel sul lungomare, attualmente chiuso, e danneggiati anche alcuni stabilimenti balneari. Nessuno è rimasto ferito. In particolare la tromba d'aria ha fatto volare via la copertura sulla strada del ristorante dell'albergo, finito in strada. La zona del lungomare è tutt'ora bloccato perché i vigili del fuoco stanno bonificando l'area dai detriti sospinti dalle fortissime raffiche di vento.

A causa del forte vento stanno volando sulla strada alcuni pezzi del tetto del palazzetto dello Sport in viale Danubio, a Fiumicino. La struttura è da tempo chiusa per inagibilità. "Per questo motivo, ai fini della sicurezza, finché durerà il forte vento, il tratto di viale Danubio di fronte al palazzetto rimarrà chiuso al traffico. Anche la linea Cotral subirà una leggera modifica nel suo percorso" comunica l'assessore ai lavori pubblici Angelo Caroccia.

Punto Stabia News

Punto Stabia News è un giornale online che si occupa del territorio tra Castellammare, i Lattari e la Penisola Sorrentina. 

CONTATTACI: 

redazione@puntostabianews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2