Stampa questa pagina

Castellammare di Stabia. Ex Cirio: Ruotolo, indagare su atti amministrativi Comune

23 Maggio 2020 Author :  
"Con i parlamentari De Petris, Errani, Fattori, Nugnes abbiamo depositato una interrogazione indirizzata al Ministro dell'Interno Luciana Lamorgese dove chiediamo se non ritenga opportuno la nomina, da parte del prefetto, (ex articolo 143 del testo unico degli enti locali), di una commissione d'accesso agli atti del Comune di Castellammare di Stabia, al fine di accertare l'entita' di eventuali condizionamenti malavitosi degli organi amministrativi ed elettivi". Lo annuncia il senatore Sandro Ruotolo (Gruppo Misto), il riferimento e' l'indagine da parte dei magistrati Torre Annunziata sul presunto business dei permessi per il progetto di recupero e riqualificazione dell'area ex Cirio di Castellammare di Stabia. Una brutta storia dove emergerebbe un sistema di potere affaristico dove imprenditori, esponenti politici, funzionari pubblici e amministratori si davano da fare per favorire un progetto da cento milioni di euro per la realizzazione di un quartiere residenziale composto da 328 appartamenti, 110 alloggi riservati all'housing sociale e gli altri 220 in vendita sul libero mercato, oltre box e locali commerciali. "Tutto gira attorno alla figura di Adolfo Greco, imprenditore gia' coinvolto nell'inchiesta madre denominata 'Olimpo' - sottolinea Ruotolo - con l'accusa per concorso esterno in associazione camorristica, per presunte collusioni con il clan Zagaria, e per estorsione aggravata".