Dal Belice all'Aquila, dall'Irpinia all'Emilia, fino alla scossa di oggi sull'appennino tra Lazio e Abruzzo. E' una lunga scia di eventi drammatici la storia dei terremoti in Italia, paese a elevato rischio sismico. Questi i principali terremoti che hanno colpito l'Italia negli ultimi 50 anni.

15 gennaio 1968 - Belice, Sicilia occidentale 6,1 Richter - Causo' gravi danni in diversi paesi del trapanese e dell'agrigentino, tra cui ricordiamo Gibellina, Salaparuta, Poggioreale, Salemi, Partanna, Montevago, Santa Margherita di Belice e Menfi, molto colpite dal sisma, con numerosi crolli e danni gravi.

6 maggio 1976- Friuli, 6,4 Ritcher - Si registro' una serie di scosse inoltrate fino al mese di settembre, con vastissimi danni in tutto il Friuli, terremoto avvertito in tutto il Centro-Nord Italia, Slovenia, Austria. Si tratta del terremoto piu' forte del secolo per l'Italia Settentrionale.

15 aprile 1978 - Golfo di Patti (Provincia di Messina) 6,1 Richter - Si registro' alle ore 23,33, provocando ingenti danni (crollano piu' di 70 edifici[senza fonte]) e feriti a Patti e nei comuni limitrofi. Qualche crollo anche nei comuni della riviera ionica messinese. Molte persone colte da malore. Nessun morto

19 settembre 1979 - Valnerina, 5,9 Richter - Il sisma provoco' gravi danni a Norcia, Cascia e le aree limitrofe danneggiando i monumenti e provocando alcuni morti e decine di feriti.

23 novembre 1980- Irpinia e Basilicata, 6,9 Richter - Dopo la Seconda guerra mondiale, il piu' terribile terremoto in Italia, con una durata della scossa eccezionale: 90 secondi. Furono devastate diverse zone tra la Campania e la Basilicata, con danni ingentissimi, soprattutto nell'area dell'Irpinia. Vennero distrutti numerosi paesi. A Napoli, nel quartiere di Poggioreale, crolla un palazzo di diversi piani, provocando 52 morti. Danni ingenti nelle province di Avellino, Salerno, Benevento, Matera e Potenza. Con epicentro tra i comuni di Teora, Castelnuovo di Conza, e Conza della Campania, causò circa 280.000 sfollati, 8.848 feriti e 2.914 morti.

13 dicembre 1990 - Sicilia sud-orientale 5,1 Richter - Gravi danni ad Augusta e Carlentini, molti danni nell'area del Val di Noto. Centinaia di feriti e 15.000 senzatetto.

26 settembre-ottobre 1997 Umbria e Marche: furono coinvolte le zone di Colfiorito, Verchiano, Foligno, Sellano, Nocera Umbra, Assisi, Serravalle di Chienti, Camerino. Distrutte numerose frazioni del comune di Foligno ed altri centri, gravi danni alle citta', soprattutto alle bellezze artistiche. Ad Assisi crolla una vela della volta Basilica superiore di San Francesco. Lo sciame sismico inizio' nella primavera' del 1997. La terra tremo' a lungo, per piu' di un anno. I terremoti di magnitudo maggiore a 5 furono: il 26 settembre di 5.8 alle ore 2:33 dove due coniugi anziani morirono sotto le macerie della propria casa, la stessa mattina alle ore 11:42 ci fu una nuova scossa ancora piu' forte di quella notturna (6,1 Richter) dove rimasero uccise altre 9 persone, di cui 4 tecnici che ispezionavano l'interno della Basilica di San Francesco, il 3 ottobre di magnitudo 5, il 7 ottobre di magnitudo 5.3, il 12 ottobre di magnitudo 5.1, il 14 ottobre di magnitudo 5.5, il 26 marzo 1998 di magnitudo 5.4. Si contarono 11 vittime, 100 feriti, 32.000 sfollati e oltre 80.000 case danneggiate. Colpita la zona del Pollino con epicentro localizzato fra i comuni di e Castelluccio Inferiore, Castelluccio Superiore e Lauria. Un morto a Maratea in cui un uomo fu travolto da una frana innescata dal sisma mentre si trovava all'interno della propria auto. Notevoli danni strutturali si sono verificati soprattutto a Castelluccio Superiore ed Inferiore.

6 aprile 2009 L'Aquila - Fu registrato in tutta la sua violenza alle 3,32 della domenica tra il 5 ed il 6 aprile. Le scosse, come quelle che seguirono nei giorni successivi vennero percepite in tutto il centro-Sud. Furono precedute da scosse di minore intensite anche in Friuli e nel forlinese. Gravissimi i danni a L'Aquila, con il centro storio distrutto completamente, con migliaia di case distrutte nel capoluogo e nei comuni limitrofi.

20 maggio 2012 Emilia - L'epicentro e' a Finale Emilia (Modena) e' stato avvertito in tutto il Centro-Nord. Colpisce in particolare la Pianura Padana e l'Emilia Romagna: e' l'evento piu' forte dall'inizio del nuovo secolo.

I concorsi pubblici per docenti pubblicati questa settimana dai Comuni sono 4: rispettivamente si tratta dei concorsi nei Comuni di Brescia, Vicenza, Ferrara e Belluno. Si consiglia lo speciale su CONCORSI PUBBLICI: TUTTI I BANDI DEL 2016 1) Concorso docenti Comune di Brescia Si tratta di un concorso pubblico, per esami, per il conferimento di 16 posti di docente per la scuola dell’infanzia (cat. C), indetto appunto dal Comune di Brescia. Per consultare il testo integrale del bando e il modello di domanda si deve andare al sito dello stesso Comune di Brescia (www.comune.brescia.it>il comune>concorsi e mobilita>concorsi) e all’Albo pretorio online del Comune dal 23 giugno 2016 al 25 luglio 2016. Quando scade il tempo per presentare domanda? Il termine per presentare domanda, infatti, scade il 25 luglio 2016. Per ulteriori informazioni, il portale Orizzonte Scuola, consiglia di rivolgersi direttamente all’Ufficio assunzioni del Comune di Brescia (tel. 030/2978314-7-8). 2) Concorso docenti Comune di Vicenza Si tratta di una procedura selettiva pubblica, indetta dal Comune di Vicenza, per titoli ed esami a numero 3 posti di insegnante di scuola dell’infanzia a tempo pieno ed indeterminato (categoria giuridica C ), con riserva dei posti ai sensi dell’art. 35, comma 3-bis, lettera a), del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e degli articoli 1014, commi 3 e 4 e 678 comma 9, del decreto legislativo 66/2010 e seguenti modifiche e integrazioni. Ai fini dell’ammissione al concorso i candidati devono rispettare i seguenti requisiti soggettivi specifici: ossia essere in possesso di uno dei titoli di studio individuati nell’avviso di selezione. Quando scade il tempo per presentare domanda? Il termine ultimo per la presentazione della domanda cade il giorno lunedì 18 luglio 2016, alle ore 12. Per quanto riguarda, invece, le modalità di presentazione della domande sono quelle indicate nel bando. L’avviso integrale di selezione, oltre al modello di domanda di ammissione, sono disponibili al seguente indirizzo web: www.comune.vicenza.it – link «Pubblicazioni on-line, concorsi pubblici». Per avere ulteriori informazioni si deve fare riferimento a: Settore risorse umane, organizzazione, Segreteria generale e partecipazione, corso Palladio, 98 (tel. 0444/221300-221303-221339). 3) Concorso docenti Comune di Ferrara Si tratta di un concorso finalizzato all’assunzione con contratto a tempo determinato, della durata di 36 mesi, di numero 1 posto da insegnante comunale avente funzioni di integrazione scolastica disabili/educatori di sostegno (cat. C/C1) da assegnare presso l’Istituzione dei servizi educativi, scolastici e per le famiglie del Comune di Ferrara. Anche in questo caso, per quanto attiene la trasmissione delle domande di partecipazione, dovrà essere effettuata al Comune di Ferrara seguendo le modalità previste e specificate nell’avviso di selezione. Quando scade il tempo per presentare domanda? Per farlo i candidati hanno tempo sino al trentesimo giorno consecutivo alla data di pubblicazione del presente estratto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana 4ª Serie speciale – Concorsi. Il testo integrale del bando di selezione, con in allegato il facsimile della domanda di partecipazione, lo si può trovare sul sito web del Comune di Ferrara all’indirizzo www.comune.fe.it alla voce Concorsi, avvisi di selezione. 4) Concorso Docenti Comune di Belluno Si tratta di un avviso di mobilità esterna volontaria, ai sensi dell’art. 30 del decreto legislativo n. 165/2001, indetto dal Comune di Belluno e finalizzato alla copertura di 1 posto, a tempo pieno, di educatore asilo nido (cat. C) contratto collettivo nazionale di lavoro comparto Regioni ed autonomie locali. In tal caso i requisiti specifici per l’ammissione sono: essere dipendente a tempo pieno ed indeterminato di una Pubblica Amministrazione con il profilo professionale di educatore asilo nido. Quando scade il tempo per presentare domanda? I candidati hanno tempo per presentare la domanda di partecipazione al concorso docenti fino al prossimo 16 luglio. Per quanto riguarda, infine, la versione integrale dell’avviso e il fac simile della domanda sono consultabili nel sito del comune di Belluno all’indirizzo www.comune.belluno.it. Per avere ulteriori chiarimenti, invece, contattare il servizio personale al numero telefonico 0437.913274;oppure all’email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Pagina 18 di 22

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2